146 – Per Hanna Musil

Non ti ho mai incontrato, non ti ho mai guardato lo sguardo,
non una carezza;
lo stesso tu per me.
Abbiamo fatto l’amore in altro modo
e pensavo di lasciarti Didone nel tuo anfiteatro di pietra
in riva al mare,
in linea col canovaccio maschile dello scorso millennio.
Non ci sono riuscito: per altre strade il senso
e il profumo della vita
mi hanno raggiunto sotto forma di versi.

Annunci

3 thoughts on “146 – Per Hanna Musil

  1. Ciao Ondina, è un piacere rileggerti qui. Hanna esiste veramente e quel libro di poesie è stato realmente scritto: sono passati molti anni. Troppi? Il nero su bianco rimane come certe fotografie. Sono testimonianza di esistenza e intelletto.

    Liked by 1 persona

Chi vuol dire la sua....

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...